Sono stati effettuati in 15 giorni i lavori di ripristino dell’impianto dell’acqua calda sanitaria presso il plesso “Solferino” della Scuola dell’Infanzia in zona Cinquenoci.

Lo rende noto l’amministrazione comunale di Locorotondo attraverso una nota stampa:

Scatigna_sito“Sono pienamente soddisfatto del lavoro compiuto dall’Ufficio Tecnico Comunale e dall’azienda che ha realizzato i lavori” ha dichiarato il primo cittadino Tommaso Scatigna, “ringraziamo i genitori e la struttura amministrativa dell’Istituto Comprensivo “Marconi-Oliva” per la fiducia e la tranquillità con cui hanno atteso che i lavori si concludessero. C’era necessità ed urgenza di intervenire, per garantire ai nostri bambini il riscaldamento durante quello che dicono gli esperti sarà un inverno rigido. Abbiamo monitorato la situazione e seguito passo passo i lavori affinchè terminassero nei tempi opportuni. Ed abbiamo mantenuto questa promessa. Sentivamo la responsabilità nei confronti dei bambini così come dei genitori. E responsabilmente abbiamo garantito che la scuola sarebbe partita regolarmente con le opere finite.

Si sta provvedendo a fare le pulizie in questi giorni, per garantire l’inizio della scuola nei tempi previsti. Ringrazio anche la dirigenza scolastica, che ha avuto fiducia nell’operato dell’Amministrazione Comunale ed ha saputo gestire la giusta apprensione dei genitori. Come Primo Cittadino e come maggioranza siamo sempre molto attenti al mondo dei bambini ed alla loro sicurezza. Garantire ai nostri figli spazi giusti e sicuri è la nostra priorità”.

Continua l’impegno dell’Amministrazione Comunale nei confronti del mondo scolastico e culturale.

Più di un milione di euro saranno destinate alle strutture pubbliche di Locorotondo. Sono giunti due finanziamenti: per la scuola “G. Oliva” e per il museo della civiltà contadina che verrà allestito presso la ex chiesa di Sant’Anna.

Nell’ambito della delibera CIPE del 30 giugno 2014 “Scuole Sicure” sono stati destinati circa €538.000 per la messa in sicurezza della struttura. Sono previsti tra gli altri lavori di messa in sicurezza degli impianti antincendio e l’installazione di vetri antisfondamento.

Per il Museo sono stati assegnati circa €588.000 necessari al recupero funzionale del museo archeologico, con la messa a norma ed il completamento della struttura affinché possa ospitare le dotazioni informatiche previste per il suo avviamento.

 “Sono finanziamenti che attendavamo e per i quali i nostri tecnici aveva già pronti i progetti” spiega il sindaco Tommaso Scatigna, “abbiamo il monitoraggio continuo e costante delle nostre strutture pubbliche, in particolare delle scuole, per garantire la sicurezza dei nostri studenti. Per questo la delibera CIPE non ci ha colti impreparati, i nostri tecnici comunali avevano già pronto il progetto e questo sicuramente ci ha favorito. Per il museo possiamo finalmente affermare che presto a Locorotondo, dopo decenni, potremo accogliere la nostra storia con l’utilizzo delle più moderne tecnologie. Infine, le gare di appalto per la scuola “Marconi” sono state espletate ed affidate. Il Lotto 1 è stato assegnato alla ditta Garibaldi di Bari ed il Lotto 2 alla ditta Resta. Siamo in attesa degli adempimenti regionali per vedere i cantieri aperti. Ma siamo fiduciosi”.

© 2014, redazione. All rights reserved.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here