“L’attentato a Parigi ci fa pensare a tanta crudeltà, crudeltà umana; a tanto terrorismo, sia al terrorismo isolato, sia al terrorismo di Stato. Ma la crudeltà della quale è capace l’uomo!”.
hashtagpapaPapa Francesco riprendeva le messe mattutine a Santa Marta dopo la pausa natalizia. E l’occasione, all’indomani della strage nella sede del settimanale satirico ‘Charlie Hebdo’, era delle più drammatiche, tanto da voler dedicare la celebrazione proprio ai colpiti dall’assalto terroristico. “Preghiamo, in questa messa, per le vittime di questa crudeltà. Tante!”, ha detto con parole accorate all’inizio dell’omelia. “E chiediamo anche per i crudeli – ha aggiunto -, perché il Signore cambi il loro cuore”.
Il Papa aveva espresso “la più ferma condanna per l’orribile attentato”, esortando “tutti ad opporsi con ogni mezzi al diffondersi dell’odio e di ogni forma di violenza”. Secondo il Pontefice, riferiva il portavoce vaticano padre Federico Lombardi, “qualunque possa esserne la motivazione, la violenza omicida è abominevole, non è mai giustificabile”. Ribadiva quindi il suo sostegno “per tutti coloro che, secondo le loro diverse responsabilità, continuano ad impegnarsi con costanza per la pace, la giustizia e il diritto”. Ieri inoltre, dopo aver tra l’altro lanciato su Twitter uno specifico hashtag #PrayersForParis, ha incontrato in Vaticano l’arcivescovo di Parigi, cardinale André Vingt-Trois.

© 2015, redazione. All rights reserved.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here