Politica e calcio, un binomio inscindibile. Le dichiarazioni di Petrosino nel comunicato della società e la lettera aperta degli ultras curva nord
petrosinoLa politica di Martina che rischia di far chiudere il calcio a Martina. Forse perché il calcio non vale così tanto o non tanto da. Questione di punti di vista, eppure il calcio per questa città è vita. Non tutti, però, la pensano così. Potrebbero frantumarsi, infatti, le ultime speranze di tenerlo in vita, per mancanza di buon senso, menefreghismo, a causa di finte attenzioni o ancora meglio di finte di corpo, giusto per rimanere nel linguaggio calcistico. Ieri si sarebbe dovuto tenere il Consiglio comunale che avrebbe dovuto approvare tra i punti all’ordine del giorno la convenzione per lo stadio Tursi stagione 2015-2016 condizione necessaria per proseguire successivamente nell’iter dell’iscrizione al prossimo campionato del Martina di Lega Pro, alias Professionismo. Il lutto cittadino terminato prima del Consiglio ha frenato molti consiglieri portando ad una nuova convocazione per lunedì 22 giugno, troppo tardi per il Martina e per l’approvazione della Convenzione in Consiglio che ha  come termine ultimo la scadenza del 20 giugno, salvo incorrere in ammenda da diecimila euro e altre complicazioni. Con un maggior impegno da parte del Comune sulla questione, il provvedimento, divenuto politico, sarebbe dovuto essere già approvato considerando che le necessità ed i tempi  imposti dalla Federazione erano stati già resi noti da tempo. Il Consiglio non si è fatto, la Festa della Musica sì: anche qui questione di punti di vista. Intanto, il calcio potrebbe morire davvero anche perché la convenzione pianificata dal Comune sembrerebbe, a giudicare dalle parole pronunciate da un infuriato Nino Petrosino nel corso di una repentina conferenza stampa, “una pistola alla tempia” in quanto molto gravosa sia sul piano economico che su quello delle condizioni atte a scaricare ogni tipo di incombenza sulla società del Martina. “La stipula della convenzione – ha proseguito Petrosino  –  è prima di tutto un atto di responsabilità. Il Comune ha perpetrato un atto criminoso nei confronti della nostra società e dico apertamente che anche se avessero approvato questa convenzione in Consiglio, non l’avrei mai firmata. Questa convenzione è un cappio al collo. Questa Amministrazione sa fare solo ostruzionismo.  Lo stesso che ci impedisce soprattutto a causa della mancanza di uno stadio e di una convenzione ragionevole di poter avvicinare gli imprenditori e reperire economie (già di per sé latenti) per affrontare una nuova stagione in Lega Pro. La politica sta uccidendo il calcio. O forse già lo ha ucciso. In questi giorni mi recherò dal Sindaco per la consegna del titolo affinché possa trovare con l’ausilio della sua maggioranza ed in primis con il contributo dell’assessore allo Sport Stefano Coletta (che invito a dimettersi), i successori per portare avanti il calcio a Martina”.

Di seguito la lettera aperta del direttivo delgli Ultras Nord

Oggi 19/06/2015 nostro malgrado e a malincuore dobbiamo prendere atto ancora una volta del totale disinteresse dell’amministrazione comunale che governa questa città nei confronti della squadra di calcio dell’As Martina Franca 1947.
Nonostante abbiamo una società di calcio che milita in un campionato professionistico e che insieme a Foggia, Lecce e Barletta sia la seconda forza calcistica della regione e con tutta la visibilità che possa derivare da ciò……pare che tutto questo ai nostri politici conti ben poco per non dire niente e di conseguenza lo stadio Comunale “TURSI” può anche morire, sgretolarsi o cadere a pezzi come in realtà sta avvenendo senza che nessuno muova un dito.
Noi tifosi tutti della “Curva Nord” vogliamo dire ai politici martinesi che una crescita sociale ed economica di una città passa anche dalle strutture sportive……e ad oggi tranne per il palazzetto dello sport tutte le altre strutture a Martina sono in uno stato di degrado totale, vedasi stadio TURSI e stadio PERGOLO.
Con questa missiva quindi vogliamo smuovere le coscienze di tutti i politici MARTINESI (e sperando che tifino anche Martina) affinché venga data una giusta considerazione a qualcosa di cui tutti noi cittadini e tifosi dovremmo andare fieri e che ci rappresenta in tutta Italia ossia la nostra squadra di calcio l’AS MARTINA. 1947

© 2015, redazione. All rights reserved.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here