Nella cornice dell’antica Chiesetta della Santissima Trinità di Martina (nel Centro Storico in Via Cavour), sede al  piano superiore dal 1629 della Confraternita della Natività e dei Dolori di Maria Santissima, si svolgerà venerdì 19 dicembre alle ore 18.30  la premiazione della terza edizione del concorso internazionale di poesia “Contrade in Valle d’Itria”.
Il concorso, ideato nel 2012  da “Il Paese delle Contrade”, coordinato da Paolo Basile di Locorotondo,  con il sostegno dei Comuni di Cisternino, Locorotondo, Martina, dell’Assessorato regionale alla cultura della Regione Puglia, dell’Università di Bari e di Taranto, è articolato nei tre Comuni in luoghi storico-artistici rilevanti nella storia delle comunità e si conclude nell’imminenza del Natale. La poesia premiata è, successivamente, incisa su un cippo in  una contrada scelta dalla città ospitante. Quest’anno, dopo la Chiesa della Madonna della Greca di Locorotondo e l’antico Cimitero di Cisternino,  è stato scelto, per la proclamazione del vincitore,  l’Oratorio della Confraternita, dove si conserva quella che da molti critici e storici dell’arte è considerato il capolavoro della pittura martinese: la Natività di Maria di Leonardo Antonio Olivieri. All’inizio della cerimonia, lo storico e critico d’arte Francesco Semeraro illustrerà lo splendore del luogo alla presenza dei rappresentati dei tre Comuni, dell’Università di Bari, dei componenti della giuria, Corrado Petrocelli, Riccardo Pagano, Angela Bianca Saponari, dei partecipanti al concorso e del priore della Congrega ospitante Pietro Giuseppe Vinci. Al termine della premiazione saranno offerti ai convenuti i prodotti tradizionali di Natale confezionati dagli abitanti delle Contrade per apprezzarne sapori e profumi autentici. La serata sarà coordinata dalla giornalista Rosa Colucci. “E’ un concorso  pensato  – afferma Antonio Scialpi, assessore alle attività culturali della città di Martina –  per valorizzare l’arte, l’artigianato, il paesaggio delle  contrade della Valle d’Itria  attraverso la produzione e la genialità poetica e per fare sistema in un territorio in cui le tradizioni sono cultura”.

© 2014, redazione. All rights reserved.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here