Il consigliere regionale e comunale Antonio Martucci torna a criticare l’operato della dirigenza comunale. “Bene i concorsi, – dice – ma devono servire a selezionare le migliori professionalità, per costruire rapporti fondati su fiducia e trasparenza”. Per quanto riguarda le retribuzioni, che sono nell’occhio del mirino dell’opposizione, (Idealista e NCD hanno più volte chiesto conto), se ne riparlerà a settembre

 “Il Comune di Martina Franca merita una dirigenza all’altezza della città”, ribadisce Antonio Martucci in un comunicato stampa, che più volte ha chiesto di far luce sui criteri di retribuzioni dei manager, e contestandone le modalità di calcolo delle premialità. Unache diventa fondamentale non soltanto sul merito della qualità del lavoro, dice Martucci ma che “mette in discussione anche l’operato della politica. Se si pensa al particolare momento storico di congiuntura economica che si sta attraversando ormai da anni e che – aggiunge – obbliga gli Enti a evitare sprechi di risorse economica e massima oculatezza nelle spese. La funzione dirigenziale deve porsi come interfaccia tra le funzioni di indirizzo del Consiglio Comunale, affinchè trovino applicazione nella funzione operativa della Giunta. E sempre a noi Consiglieri spetta anche la funzione di controllo sull’efficacia dei provvedimenti e la valutazione della corretta applicazione degli indirizzi del Consiglio e delle direttive della Giunta”.

L’attuale consigliere comunale di maggioranza (lato centro-sinistra) fu già componente della maggioranza lato centro-destra. “Negli anni scorsi la politica ha funzionato a rilento perché bisognava rimettere ordine alla macchina dirigenziale del Comune, aggiunge, e plaude comunque all’operato dell’attuale Amministrazione che ha avviato i concorsi per i nuovi dirigenti”. Non è proprio catastrofico, il commento di Martucci, il quale riconosce che “qualche risultato lo si può già evidenziare, come per esempio nel settore dell’Urbanistica, in attesa di portare a compimento tutti gli altri iter concorsuali che condurranno, tra gli altri, alla nomina del nuovo Dirigente al settore Polizia Municipale, nonostante il buon lavoro fin qui svolto dall’attuale Comandante di concerto con l’assessore Lasorsa”. Ma tutto ciò, evidentemente, non basta. Anzi, è solo un inizio, perché “ci sono dei settori sui quali persistono numerosi nodi da sciogliere e dubbi sui quali anche l’Amministrazione deve fornire risposte adeguate, se davvero si vuole svoltare con il passato, intervenendo nel merito delle questioni e valutando il dettaglio dell’operato di ogni settore”. In conclusione, secondo l’esponte alla regione del gruppo Mep, “è fondamentale il ruolo dell’organismo interno di vigilanza, affinchè la nostra macchina amministrativa possa dotarsi delle migliori professionalità a servizio della città, impostando la collaborazione su costruttivi percorsi di lavoro basati su fiducia e trasparenza. Inevitabile, quindi, lasciare aperta la discussione sulle retribuzioni ai dirigenti, su cui torneremo a confrontarci, nostro malgrado, soltanto a settembre prossimo in occasione dell’approvazione del bilancio di previsione”.

© 2014, redazione. All rights reserved.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here