Martina/Monopoli: dopo il giusto riposo post-stagione, ma soprattutto post-delusione per il cambiamento a fine stagione delle regole relative alla partecipazione ai play-off promozione, la compagine di calcio a 5 femminile si prepara a pianificare il prossimo campionato, partendo dalla prima importante riconferma, quella di mister Fanizzi, che mantiene saldamente il timone della squadra dopo un anno ad alti livelli.

fanizzi e capitanaNessun dubbio da ambo le parti: nessun dubbio per i patron Guglielmo Boccia e Francesco Biundo, sicuri di puntare su un grande mister, nessun dubbio per il tecnico di Putignano, soddisfatto per quanto fatto al suo primo anno nel Martina/Monopoli: “Al nostro primo anno, con un roster totalmente nuovo, abbiamo centrato la vittoria della Coppa Puglia, abbiamo ben figurato alla Final Eight nazionale di Coppa ad Avezzano, e siamo arrivati secondi nel nostro girone in campionato (l’epilogo lo conosciamo tutti con il cambio di regolamento a campionato finito). Considerato che questa Società, che ricordo racchiude la sinergia di due paesi come Martina e Monopoli (un aspetto difficile già di per sè), è nata in soli 20 giorni ad agosto 2014, posso tranquillamente affermare che forse abbiamo fatto un “miracolo”, più che un ottimo risultato. Il mio “si” era ovviamente scontato: non lascio, anzi raddoppio! Anche la prossima stagione sarò l’allenatore del MartinaMonopoli, ringrazio il presidente Guglielmo Boccia e Francesco Biundo per la fiducia che hanno riposto nella mia persona. Qui si lavora bene e si ha un progetto serio basato sulla crescita graduale di obbiettivi e traguardi.”

Si inizia a pianificare il futuro, e il primo nodo da sciogliere è la categoria a cui partecipare: campionato regionale o nazionale, tutto dipende se la società deciderà di fare la domanda di ripescaggio. Rumors di mercato dicono che sarà fatta, e mister Fanizzi lo conferma: “Per quanto riguarda la domanda di ripescaggio, credo sia una domanda da girare alla Società (ovviamente la risposta è sì). Durante i vari incontri societari nel corso della stagione, non era mai stata presa in considerazione l’ipotesi ripescaggio. Onestamente mi sono sempre guadagnato tutto sul campo, però i vari accadimenti regolamentari a campionato finito, credo ci obblighino moralmente per rispetto delle ragazze, della società, degli sponsor, a presentare domanda di ripescaggio, con ottime possibilità di accoglimento. Quindi la risposta alla tua domanda è sì, presenteremo domanda di ripescaggio!”

Ripescaggio o no, in ogni caso la squadra sarà rinforzata, sia per eccellere nel campionato regionale, sia per ben figurare in quello nazionale. Mister Fanizzi sa che arriveranno rinforzi ma non si sbilancia sui sogni di mercato: “Prospettive future sono sempre la voglia di migliorare e crescere, giocando a futsal così come abbiamo fatto molto bene questa stagione. Ho la fortuna di aver incontrato due persone come il Presidente Boccia e Francesco Biundo, molto ambiziose, che non si pongono limiti. Credo che nessuno avrebbe pensato di creare dal nulla questa Società ad agosto scorso. In ultimo non ti nascondo che la volontà di Società e dirigenti è quella di far nascere una Scuola di calcio a 5 femminile, per poter crescere “in casa” le future atlete di futsal Per il fantamercato è ancora troppo presto, sai bene che la risposta di un tecnico a questa domanda a volte non coincide con le possibilità della Società. Stiamo facendo degli acquisti mirati andando a colmare alcune lacune della scorsa stagione, forse anche dovute alla velocità con cui abbiamo creato il tutto. Posso solo dirti che stiamo lavorando bene in accordo con la Società e siamo già in fase avanzata.”

Da grande consocitore del calcio a 5 femminile, mister Fanizzi non poteva sfuggire ad una considerazione sull’attuale situazione del movimento: “Quanto alla situazione del calcio a 5 femminile italiano, non credo di essere nella posizione di giudicare. Sono contentissimo dell’attenzione che i media stanno riservando al futsal femminile, vedi la trasmissione in diretta TV delle finali Scudetto e delle amichevoli della Nazionale italiana. Quest’ultima è un grande passo in avanti, la Nazionale deve essere l’obbiettivo di ogni ragazza che gioca a futsal, le emozioni e le sensazioni di indossare quella maglia sono indescrivibili.”

© 2015, redazione. All rights reserved.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here