“Nella mattinata di oggi, senza alcun preavviso, è stato posto sotto sequestro, senza facoltà d’uso, dalla Procura della Repubblica di Taranto, un tratto della strada statale 172 (che congiunge Martina Franca a Locorotondo) da diverso tempo notoriamente interessato dalle problematiche del recapito finale delle acque reflue”.  E’ quanto si legge, a proposito del provvedimento dei carabinieri del Noe, in una nota del Comune di Martina Franca, che ha convocato i dirigenti dell’Anas “al fine di valutare le più opportune soluzioni di viabilità alternative per limitare i disagi, chiedendo anche la collaborazione delle forze dell’ordine”.

Di seguito la nota del Sindaco Scatigna:  “Non ho ricevuto, in qualità di sindaco di Locorotondo uno dei due paesi maggiormente interessati,  alcuna comunicazione ufficiale del sequestro né prima, né dopo, impedendomi di fatto di prendere dei provvedimenti per garantire al minimo i grandissimi disagi che la comunità sta subendo, ma ho dovuto saperlo dagli organi di stampa. Bisogna trovare una soluzione alternativa e nel più breve tempo possibile. Le strade alternative alla visilità, soprattutto per i mezzi pesanti, sono tortuose e non praticabili”. E’ questa la sintesi di una lettera inviata dal Sindaco di Locorotondo al Presidente della Regione Puglia, al Direttore generale dell’Acquedotto Pugliese, all’Assessore regionale ai trasporti e a dirigenti delle Ferrovia Sud Est. Praticamente dello stesso tenore il comunicato stampa del Sindaco di Martina Franca che oltre a lamentare il mancato preavviso del sequestro ha comunicato di aver convocat immediatamente, i dirigenti dell’Anas al fine di valutare le più opportune soluzioni di viabilità alternative per limitare i disagi, chiedendo anche la collaborazione delle forze dell’ordine. E’ stata, inoltre, possa in essere un’attività di informazione a tutti i gestori di servizi di trasporto pubblico, nonché ai servizi di emergenza: “Siamo in contatto con i Sindaci di Locorotondo e Cisternino per i riflessi riguardanti la viabilità dei rispettivi Comuni. E’ stata predisposta e allocata una segnaletica di preavviso per i flussi verso i Comuni interessati. Stiamo contattando il Pubblico Ministero, dott. Lanfranco Marazia, che ha adottato il provvedimento di sequestro, senza facoltà d’uso, per rappresentare la gravissime ripercussioni sui collegamenti regionali della città” .

Non sono stati pochi già i disagi avvertiti in giornata e ancora non è dato sapere per quanto tempo la strada rimarrà bloccata al traffico.

 

© 2016, redazione. All rights reserved.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here