Mentre si susseguono gli eventi del cartellone estivo “That’s Martina”, il gruppo consiliare di Idealista solleva “numerosi dubbi” sui criteri adottati dall’Amministrazione e dall’Assessorato al Turismo nell’assegnazione  dei contributi comunali. Viene richiesta maggiore trasparenza e l’istituzione di una commissione ad hoc.

Riportiamo di seguito l’intervento completo degli esponenti del partito nato alle ultime amministrative come lista di supporto al candidato sindaco del centro-destra, successivamente costituitosi come partito politico vero e proprio, e rappresentato in consiglio da Marraffa e Castellana

palazzo ducale serale“Con quale criterio vengono assegnati i contributi pubblici per gli eventi? Come vengono valutati gli eventi a consuntivo? Come viene valutata la congruità delle richieste? Sono solo alcune delle domande a cui IdeaLista non riesce a trovare risposta.

È il grande lavoro dei singoli privati, delle associazioni e delle organizzazioni a garantire lo svolgimento di alcuni importanti eventi sul territorio. Il rapporto tra pubblico e privato e specialmente l’intervento economico del pubblico è lasciato alla discrezione di pochissime persone, contro ogni principio di trasparenza e partecipazione, considerato che si tratta di soldi dei cittadini.

Auspicabile per IdeaLista sarebbe l’istituzione di una commissione, a non esclusiva partecipazione di rappresentanti politici, ma allargata a figure tecniche esterne, per la valutazione delle proposte e la costruzione di un sistema integrato di valorizzazione del territorio, con inevitabili ritorni in termini culturali e turistici.

Questa Amministrazione e la sua Giunta, sin dal loro insediamento sono in costante affanno, con gravi ritardi sulle scadenze per ogni tipo appuntamento o scadenza, persino nell’approvazione del bilancio comunale di previsione. Tutto questo contribuisce a non garantire quella trasparenza che oggi per le amministrazioni pubbliche è diventata obbligo legislativo. Inevitabile, quindi, il ricorso all’approssimazione, che tra le altre cose mette le organizzazioni l’una contro l’altra, annullando invece il grande lavoro, gli sforzi  e i risultati ottenuti dai privati, di cui spesso questa amministrazione se ne assume i meriti.

Un atteggiamento, questo, che non favorisce assolutamente lo sviluppo delle nostre eccellenze del nostro territorio, ma favorisce soltanto la litigiosità tra gli organizzatori, lasciando all’oscuro delle decisioni persino i poveri colleghi di maggioranza, ormai limitati al ruolo di presa d’atto delle decisioni calate dall’alto da questa Giunta.

Qualche smemorato non ricorda che persino la passata Amministrazione, seppur senza affibbiargli un titolo anglosassone, stilava un cartellone con eventi che altro non sono che quelli che attualmente si tengono, compresa anche la festa civile della città. E si ribadisce che in quella, come in questa Amministrazione, l’organizzazione degli eventi è sempre spettata all’iniziativa dei privati.

Eppure quella contestata Amministrazione non si è mai permessa di distribuire somme economiche agli organizzatori di eventi in caso di mancati incassi, né si è mai permessa di cancellare con un colpo di spugna la festa patronale.

Bene l’iniziativa dei privati, bene la collaborazione e l’intervento del pubblico, ma con una gestione oculata, concertata e trasparente, ma soprattutto senza mai dimenticare che si tratta di soldi dei cittadini.”

© 2014, redazione. All rights reserved.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here