Martina calcio: prima vittoria in campionato contro una Juve Stabia in difficoltà
esultanza-MartinaE’ facile lasciarsi andare all’entusiasmo dopo una vittoria bella e convincente, un 2-0 frutto di superiorità di gioco per tutto l’arco della gara. Due reti per tempo, una quasi in apertura di Baclet in grande spolvero, l’altra quasi al 90′, da parte del suo sostituto Cristea, che chiude l’ultimo assalto disperato degli ospiti (dopo aver fallito il raddoppio appena entrato). Un Martina apparso finalmente squadra, messo in campo da Incocciati che sembra aver trovato assetto e fiducia. Padroni di casa capaci di imbrigliare l’avversario e metterlo in costante difficoltà, ordinati in tutti i reparti, con Basso a dare man forte a Viola davanti alla difesa, i due centrali Migliaccio e Sirignano quasi insuperabili sul gioco aereo difensivo, un promettente Marchetti sulla fascia destra finalmente “sbloccato” dai cavilli burocratici che lo tenevano fermo ai box suo malgrado. Rullo più deciso sull’altra fascia, Schetter più incisivo, Franchini diligente, e soprattutto Bogliacino, da cui ci si aspettava ordine e invenzioni, finalmente in uno stato discreto dal punto di vista atletico, così che ha potuto mettere in mostra buona parte delle proprie qualità, inventando e creando gioco (anche se troppi sono apparsi i lanci affidati al portiere, ma su questo aspetto evidentemente c’è da lavorare ancora). Stesso discorso per Baclet, che aveva bisogno sicuramente di una buona preparazione fisica per mettere in campo tutto il suo “peso” atletico, tenendo alta la squadra, lottando su ogni pallone in attacco e, soprattutto, realizzare. Due reti frutto di altrettante belle giocate di squadra, assist di Schetter per il centravanti che  insacca dopo soli 11′ di gioco, diagonale imparabile di Cristea  imbeccato da un lancio illuminante di Viola all’89’ per chiudere la gara e inguaiare l’ex Ciullo. In mezzo, una paio di parate decisive del sempre attento Viotti, oltre a due interventi miracolosi dello stesso portiere, seppure “vanificati” dal fischio dell’arbitro. Martina finalmente cinico, si potrebbe quindi affermare, con due gol su tre occasioni da rete. Bisogna però tener conto dell’avversario, apparso in più frangenti confusionario e privo di idee. In ogni caso, tifoseria, dirigenza e tutto l’ambiente si godono questa vittoria, che porta tre punti preziosi, tanto morale e un rinato, seppur moderato ottimismo. La strada è lunga, ora ci sono due trasferte a Catanzaro (che non viaggia in buone acque) e Catania (che si è già rimangiati tutti i punti di squalifica e sembra lanciato verso i piani alti della classifica). Ma la squadra vista al Tursi contro le vespe campane è apparsa una squadra vera. Ora si attendono conferme.

Matteo Gentile

Il Tabellino della gara

Domenica 11 ottobre 2015, 6^ Giornata Lega Pro girone C, Stadio “G. Tursi” di Martina Franca

MARTINA-JUVE STABIA 2-0 (11′ Baclet 89′ Cristea)

Martina (4-3-3) :  Viotti; Marchetti, Rullo, Viola,  Migliaccio, Sirignano, Schetter (70′ Zappacosta),  Basso, Baclet (77′ Cristea), Bogliacino; Franchini (90′ De Lucia) .  A disp.: Simone, Danese, Gaetani, Giura, Cristofari, Gabrielloni, De Lucia All.: Incocciati

Juve Stabia (4-3-3) : Russo; Cancellotti (78′ Caserta), Contessa , Polak, Liotti,  Arcidiacono, Carrotta (66′ Gatto), Gomez, Obodo,   Vella(46’Nicastro), Favasuli; . A disp.: Modesti, Romeo, Mileto, Carillo,  All.: Ciullo

Arbitro: Giovanni Luciano della sezione di Lamezia Terme  coadiuvato dagli assistenti Maiorano e Di Stefano.

Note: Cielo coperto, terreno pesante, 1050 spettatori circa di cui una cinquantina gli ospiti, paganti 780 per un incasso di circa 3000 euro

Ammoniti: Baclet (M), Franchini (M), Rullo (M),  Vella (JS), Cancellotti (JS), Bogliacino (M) Favasuli (JS)

Espulsi: 84′ Nicastro (JS)

Angoli: 3-6

(ph: Paolo Conserva)

© 2015, redazione. All rights reserved.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here