Detta così, come nel titolo, la frase del consigliere comunale Antonio Martucci sembrerebbe un controsenso. In realtà, il consigliere ha sempre avuto un occhio di riguardo per la questione camposanto, sia per averne avuto la delega, sia per essere stato a capo di una congrega. E ora punta a un project financing per rimettere a posto il cimitero

cimiteroStavolta la sua attenzione è puntata sull’ultimo provvedimento che non prevede più sepolture nella nuda terra. «Con lo spostamento delle ultime salme ancora rimaste, – spiega Martucci – trova piena applicazione l’annuncio fatto qualche tempo fa.. La decisione di utilizzare i campi di rotazione sotto la terra era stata assunta dalla precedente amministrazione comunale per rispondere ad alcune esigenze dettate dalla necessità di nuovi spazi da parte delle Confraternite e delle Società di mutuo soccorso. La promessa fatta alle Confraternite e alle Associazioni, di trovare adeguata sistemazione per tutti i defunti, è stata mantenuta. Il mio obiettivo era quello di restituire dignità a quei defunti e ci siamo riusciti, ora bisogna restituire dignità all’intero cimitero». Restano ancora quasi 500 salme, che a partire da oggi, martedi 2 settembre, saranno riesumate per assicurare loro un’adeguata sepoltura. Alcuni di questi defunti saranno portati altrove, seguendo le volontà dei familiari degli estinti, la maggior parte invece saranno sistemati sotto gli “arconi” a cura dell’Amministrazione. Si tratta della vecchia area destinata ai bambini non nati e non battezzati e all’area destinata a coloro che hanno rifiutato cappelle o loculi. Molti di questi sono defunti degli anni ’30, deceduti per malattie che allora venivano riconosciute o considerate infettive. «Ora – conclude Martucci – l’Amministrazione Comunale spinga velocemente per l’avvio del nuovo project financing per rimettere ordine al cimitero e per restituirne la dignità che merita la nostra città, i nostri cittadini e i nostri defunti».

© 2014, redazione. All rights reserved.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here