Il Capo Gruppo Forza Italia della Commissione Giustizia Camera dei Deputati, on. Gianfranco Chiarelli, chiede espressamente al ministro Orlando di rivedere l’approccio utilizzato nell’attuazione della riforma e di riaprire il confronto per discutere e perfezionare l’applicazione del 12 punti base presenti nella riforma, che dichiara inadeguata rispetto alle aspettative

chiarelli-8533_172x172“La bozza di riforma della Giustizia in 12 punti, presentata dal ministro Orlando, dopo gli incontri con  le varie parti interessate, si conferma assolutamente inadeguata rispetto alle tante aspettative. – afferma il parlamentare jonico – Come Forza Italia abbiamo già più volte espresso le nostre perplessità, ampiamente condivise dall’avvocatura, circa la inefficacia dei provvedimenti che il governo ha annunciato. Per altro verso, i magistrati hanno duramente contestato alcuni di questi provvedimenti, denunciando peraltro l’assenza di soluzioni concrete alle tante criticità del sistema giudiziario. Apprendo che rispetto a talune contestazioni il ministro ha già fatto retromarcia annunciando emendamenti. Oltre che nella  sostanza dei contenuti, quindi, il governo continua a sbagliare sul piano del metodo. La riforma della Giustizia non può risolversi in un insieme di provvedimenti che affrontano  di volta in volta (senza risolverle!) singole problematiche, o rispondono alle pressioni di una singola categoria. La Giustizia riguarda tutti: i cittadini, le imprese, gli operatori.  Orlando riveda l’approccio complessivo e prenda atto che i suoi 12 punti vanno azzerati, per avviare un nuovo serio confronto per una riforma che sia degna di tale nome”.

© 2014, redazione. All rights reserved.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here