Ieri pomeriggio, alle ore 15.30 circa, la Centrale Operativa dei Carabinieri di Manduria ha ricevuto una richiesta d’intervento da parte di un cittadino di Torricella. L’uomo ha riferito che, poco prima, un suo parente, un 47enne manduriano, che si trovava nel cortile della sua abitazione, ubicata in agro di quel comune, al culmine dell’ennesimo litigio, scaturito per futili motivi collegati a vecchi dissapori in ambito famigliare, aveva esploso in aria, a scopo intimidatorio, tre colpi di pistola dileguandosi poi per le strade di campagna.
Sul posto sono intervenuti prontamente il personale del Norm di Manduria e quello della Stazione dei Carabinieri di Torricella. I militari, che hanno avviato gli accertamenti sull’accaduto, all’interno del cortile, hanno rinvenuto e sequestrato due bossoli calibro 7.65 che verranno sottoposti ai rilievi tecnico-balistici. Le ricerche del soggetto, immediatamente avviate in Torricella, Manduria e centri contermini, si sono concluse in tarda serata, quando lo stesso è stato rintracciato, a bordo della propria autovettura, in prossimità dell’abitazione di alcuni parenti. L’uomo, il mezzo e l’abitazione sono stati sottoposti a perquisizione che però  non ha consentito di rinvenire l’arma da fuoco. Il 47enne, che ha negato di essere l’artefice degli spari, per i fatti accertati,  è stato denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Taranto, per detenzione e porto illegali di arma comune da sparo, minaccia aggravata, accensione ed esplosioni pericolose Sono in atto approfondimenti dell’Arma di Torricella e di Manduria intesi a ricostruire compiutamente la vicenda.

© 2014, redazione. All rights reserved.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here