Una foto d'archivio rilasciata dal sito www.ilvataranto.com mostra la cokeria dello stabilimento Ilva a Taranto, 22 ottobre 2012. ANSA/WWW.ILVATARANTO.COM +++ NO SALES, EDITORIAL USE ONLY +++

Ilva, la procura di Taranto ha disposto il sequestro preventivo senza facoltà d’uso dell’Altoforno 2 dell’Ilva.

Una foto d'archivio rilasciata dal sito www.ilvataranto.com mostra la cokeria dello stabilimento Ilva a Taranto, 22 ottobre 2012. ANSA/WWW.ILVATARANTO.COM +++ NO SALES, EDITORIAL USE ONLY +++
Una foto d’archivio rilasciata dal sito www.ilvataranto.com

Come noto, si tratta del reparto dove l’8 giugno scorso è stato investito da un getto di ghisa incandescente il 35enne operaio di Mrtina Franca Alessandro Morricella, deceduto quattro giorni dopo, e del quale oggi si sono svolti i funerali. In base a quanto riferisce l’Ansa, il custode dell’impianto dovrebbe essere Barbara Valenzano, già custode giudiziario degli impianti dell’area a caldo nominata dal gip Patrizia Todisco nell’inchiesta sfociata nell’arresto dei vertici dell’Ilva.
Nel corso del pomeriggio odierno, militari del comando provinciale Carabinieri di Taranto congiuntamente a personale Spesal dell’A.s.l. di Taranto, hanno dato  esecuzione al decreto di sequestro preventivo d’urgenza, senza facoltà d’uso, dell’altoforno 2. Il sequestro deriva dalla circostanza che in atto la libera disponibilità dell’impianto in questione, in assenza delle dovute  e adeguate precauzioni, in attesa di conoscere le cause dell’evento anomalo a base dell’infortunio, nonchè di quelli successivi di minore entità seguiti nei giorni successivi, nel dubbio di un malfunzionamento degli apparati di segnalazione di anomalie, possa costituire fonte di pericolo di eventi e reati analoghi.

© 2015, redazione. All rights reserved.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here