Trasferta non certo agevole quella che attende domenica alle 16.00 i biancazzurri di mister Ciullo contro la Casertana per la 13esima giornata del campionato di calcio Lega Pro. Amodio non disponibile.
Numeri alla mani, 21 punti per i padrini di casa e 10 per gli ospiti: 11 lunghezze di differenza per le due formazioni entrambe reduci da una sconfitta (rossoblu ko a Benevento, biancazzurri a Barletta). 6 vittorie, 6 pareggi e 3 sconfitte è il ruolino di marcia della Casertana, contro 2 vittorie, 4 pareggi e 6 sconfitte per il Martina. Per i rossoblu al ‘Pinto’ 4 vittorie, 1 pareggio ed 1 sconfitta (con la Juve Stabia), mentre gli itriani lontano da casa hanno perso 4 delle 6 partite disputate (per il resto 1 vittoria ed 1 pareggio). Nonostante le polveri bagnate del ‘Vigorito’, quello della Casertana resta, inoltre, il migliore attacco del girone con 19 reti, anche poi sono soltanto 5 in più del Martina. 12 le reti subite dai rossoblu, 17 dai loro prossimi ospiti. , tra l’altro, il 22 settembre dello scorso 2013  la Casertana conquistava la sua prima vittoria tra i professionisti dopo ben vent’anni proprio contro il Martina Franca che la prossima domenica tornerà a sfidare i falchetti al ‘Pinto’. Casertana e Martina Franca saranno di fronte per l’undicesima volta nella storia. Tra Lega Pro e serie D il bilancio è nettamente a favore dei rossoblù con sei vittorie, due pareggi e due sconfitte. Sono 14 i gol realizzati dai casertani, la metà dai pugliesi. E infine, secondo le agenzie di scommesse, i padroni di casa sono nettamente più facoriti per la vittoria, con la miglior quota fissata all’ 1,70, contro il 3,50 del pareggio e ben 5,40 per la vittoria degli ospiti.
A lottare contro la cabala sono scesi in campo anche il presidente Donato A. Muschio Schiavone, il direttore generale Nino Petrosino e il dirigente Fabrizio Buonfrate, presenti all’allenamento di Putignano. La società ha voluto comunicare in questo modo la propria vicinanza alla squadra cercando di analizzare insieme la sconfitta rimediata nel derby di Barletta. La squadra insieme allo staff tecnico ha molto gradito la presenza dei vertici societari. Il confronto cordiale e carico di entusiasmo è servito da stimolo per riprendere nel miglior modo possibile il cammino verso la salvezza che si preannuncia non privo di insidie. Nell’entourage biancazzurro e nell’organico c’è la consapevolezza di poter centrare l’obiettivo stagionale ma è chiaro che ogni partita va intesa come una finale ed onorata con il massimo dell’impegno. Tutti a disposizione del tecnico Totò Ciullo ad eccezione di Amodio che dovrebbe rientrare a breve e di Samnick alle prese con la pubalgia.

© 2014, redazione. All rights reserved.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here