In relazione ala violenta violenta e inusitata grandinata di due giorni fa che ha colpito in particolar modo Fasano, ma anche i territori di Cisternino, la Confederazione Italiana Agricoltori di Brindisi chiede alla Regione di intervenire a supporto delle aziende agricole messe in ginocchio dal maltempo.

fasano2“Interi appezzamenti coltivati ad ortaggi sono stati completamente distrutti dalla grandine. Stessa cosa dicasi per gli uliveti – si legge nell’appello pubblico emesso dalla CIA. – Si registrano danni del 100% per le colture orticole che si trovavano già in fase di pre-raccolta e raccolta e per quelle in corso di trapianto.
Negli oliveti, invece, la perdita del prodotto supera, in base ad una prima stima compiuta dagli agricoltori, il 50% per non parlare poi delle ferite arrecate dai chicchi di grandine ai rami delle piante di olivo.
Danni si registrano anche alle strutture aziendali ed in particolare alle strade e ai muretti a secco.
Vaste aree, inoltre, risultano allagate e sommerse da acqua.
Sono migliaia gli ettari colpiti da questa violenta grandinata con perdite e danni che potrebbero ammontare a milioni di euro.
Gli agricoltori, dunque, sono in ginocchio.
La Cia (Confederazione italiana agricoltori) provinciale di Brindisi in queste ore è impegnata a monitorare la situazione e ha chiesto alla Regione Puglia di perimetrare immediatamente le zone colpite dalla grandinata e di  attivare le misure previste in caso di calamità, al fine di mettere nelle condizioni le imprese danneggiate di riprendere le normali attività.
La Cia di Brindisi chiede, inoltre, che siano messi subito a disposizione fondi straordinari ed adeguati.

© 2014, redazione. All rights reserved.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here