La Valle D’Itria Basket Martina esce sconfitta dalla contesa con la capolista Agropoli per 75 a 68, dopo una partita giocata a viso aperto e ben interpretata dagli uomini di coach Russo: “serve continuità fino all’ultima sirena!”

Di seguito commenti  interviste a cura dell’ufficio stampa della società blu-arancio

Polisportiva Agropoli che ha dovuto sudare le proverbiali “sette camicie” per avere la meglio sulla giovane e intraprendente compagine martinese, capitolata solo negli ultimi minuti dell’ultimo quarto, sotto i colpi del duo Birindelli-Serino (26 e 17 pt), in una partita condizionata anche dalla “doppia” espulsione commutata a Luca Schiano e al lungo di Agropoli Lorenzo Molinaro, nel corso del 2° quarto.

La DueEsse ha il merito di rimanere in gara per tutti i 40 minuti, contro un avversario costruito per vincere il campionato e che, seppur privo di Romano, ha dimostrato di avere parecchie frecce al suo arco da scagliare nelle diverse soluzioni di gioco sia dal punto di vista offensivo che difensivo. Questo anche grazie alle buone percentuali al tiro (dalla media e lunga distanza) dei blu arancio, utili in parte, ad abbattere la zona chiamata da coach Paternoster.

I parziali (17-15, 19-17, 16-18, 23-15) rispecchiano l’andamento di un match giocato punto a punto e deciso dalla maggiore esperienza dei campani nei singoli episodi.

“L’atteggiamento è stato più che positivo, – dichiara coach Russo – contro un avversario come Agropoli che ci aspettavamo mettesse tanto agonismo e prestanza in campo, per via delle qualità individuali dei suoi giocatori. Siamo contenti della prestazione collettiva che ci ha visto soccombere solo nel finale, dopo un match equilibrato da ambo le parti, giocato punto a punto e che non ha dato mai la sensazione di come una squadra potesse nettamente prevalere sull’altra”. Agropoli che, ricordiamo, è attualmente capolista e imbattuta insieme a Bisceglie, con 6 partite vinte su 6 e con un campo “caldo” e difficile da espugnare. “Sapevamo di giocare su un campo difficile e questo, unito al valore indiscusso dell’avversario, ci ha portato a commettere delle ingenuità, dovute all’inesperienza, e che abbiamo pagato nei singoli episodi della partita. Tra gli episodi da segnalare, c’è sicuramente l’espulsione di Schiano che ha modificato alcune scelte in corso d’opera: “inevitabilmente l’espulsione di Schiano ci ha costretti ad adattarci in termini di schemi e prestazioni, portandoci a cambiare piano tattico su alcune scelte di gioco, cosa avvenuta analogamente nell’Agropoli con l’espulsione di Molinaro”.

Dopo aver affrontato in un trittico terribile, Pescara ed Agropoli in trasferta e Palermo in casa, che bagaglio si porta la DueEsse in vista delle prossime sfide di campionato? “La consapevolezza di dover ulteriormente migliorare, per avere e mantenere una continuità di rendimento in tutti i 40 minuti. Questo è il primo passo da affrontare per superare il prossimo step. Di contro, sapevamo delle difficoltà del calendario, specialmente nelle ultime 3 partite, e per questo possiamo ritenerci moderatamente soddisfatti, per quanto a nessuno faccia mai piacere perdere. Ma a maggior ragione, voglio ulteriormente sottolineare la prestazione corale di una squadra che ha interpretato bene la partita su un campo proibitivo come quello di Agropoli, e mettendo in mostra il collettivo. A dimostrazione di come solo con il gioco di squadra si può sopperire alla mancanze eventuali di uomini, o a situazioni di gioco in cui l’avversario parte favorito in termini fisici e tecnici. Dobbiamo tenerlo ben presente nelle prossime partite che, ricordiamolo, saranno difficili allo stesso modo delle precedenti, visto il livello e l’andamento del campionato”.

© 2014, redazione. All rights reserved.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here