Due Esse Martina e Taranto si affrontano in un derby che vale la prima vittoria in campionato
due esseEntrambe le squadre sono reduci da tre sconfitte su tre incontri disputati, e sul parquet del PalaWojtyla lo zero sparirà soltanto da una delle rispettive caselle della classifica. Ovviamente il campionato è ancora lungo, e nulla sarebbe compromesso per la perdente, ma il derby, si sa, è anche questione di “cuore”.
Palla a due alle 18.00. Arbitreranno la gara i sigg. Ivan Cordone di Vigevano (PV) e Denny Lillo di Brindisi (BR).
Di seguito l’analisi del pre-partita della quarta giornata del campionato di Serie B1 da parte di coach Aldo Russo, a cura dell’ufficio stampa della società blu-arancio
Una settimana di tempo per smaltire la sconfitta di Montegranaro e, più in generale, l’avvio di campionato. L’imperativo oggi è soltanto uno: vincere. Ma, come la storia dimostra, i derby hanno nel sangue sempre qualcosa di imprevedibile, ancor più se l’avversario è chiamato Taranto. Il cui roster, guidato da un coach blasonato come Putignano, vede la presenza di tasselli importanti rispondenti a Maggio e Circosta, con alle spalle alcuni campionati di DNA, ed esperti della categoria come l’ex Stefano Potì e Malfatti. Tuttavia, dalla gara contro la capolista Montegranaro coach Russo sa di poter prendere spunti positivi: “porto la voglia di resistere e la crescita di una squadra che sta trovando i suoi equilibri, migliorando giornalmente sui limiti. In particolare, crescita del singolo all’interno della squadra, con la capacità di esaltare il compagno. Abbiamo messo in difficoltà Montegranaro, perdendo lucidità in determinati frangenti in cui loro sono stati bravi a non farci più rientrare”.

La sensazione è che in questa settimana qualcosa stia cambiando, in particolar modo sotto l’aspetto mentale piuttosto che su quello tecnico: “sta migliorando la nostra capacità di ‘resistere’ e sacrificarsi per il bene comune, – conferma Aldo Russo – unita a quella di scegliere e comprendere il gioco. Il lavoro tecnico/tattico e relazionale è imprescindibile per una squadra giovane come la nostra”.

Anche la Casa Euro Taranto, pur con punti di riferimento importanti che vanno da Maggio e Circosta a Potì e Malfatti, uniti a giovani con una buona scuola alle spalle, è una squadra per la maggior parte rinnovata rispetto alla scorsa stagione. Certamente più naniforme, sotto l’aspetto fisico, nei confronti di una DueEsse che ha invece dalla sua centimetri e presenza sotto le plance. Resta da scoprire, dunque, quale sarà l’ago della bilancia. “Maggio e Circosta sono atleti di esperienza, affiancati da Potì, Panzieri e Malfatti, tutti giocatori con punti nelle mani. Nonostante la differenza fisica, che può avvantaggiarci, il nostro avversario è una squadra con propensione al tiro da 3 punti, più perimetrale, e con tanta energia in panchina data dagli under che già l’anno scorso componevano il roster”.

Così come avvenuto in parte con Monteroni, il Martina dovrà essere in grado questa volta di amministrare tempo e ritmo, fino al 40’. “Il nostro lavoro è incentrato anche su questo. Sappiamo di aver bisogno di tempo per incastrare tutti i tasselli del puzzle, ma pensiamo a una gara alla volta. Domani i ragazzi dovranno essere bravi a gestire il ritmo e trasformare l’irruenza in capacità di attaccar le situazioni che Taranto proporrà, anche con difese tattiche. Un derby è sicuramente una partita particolare per i tifosi, che ci sono stati vicini anche durante gli allenamenti”.

Per portare a casa il derby, quindi, alla DueEsse non saranno più ammessi alcune situazioni che hanno caratterizzato i tre match precedenti: “non saranno concessi cali di concentrazioni, bensì verranno enfatizzate le scelte di squadra: si gioca solo per il bene del gruppo, e la capacità di voler ottenere la vittoria sarà determinata anche dalla voglia di sacrificarsi per l’altro. Ho fiducia in questi ragazzi e mi aspetto uno spirito di chi sa che non sarà semplice ma, pur con qualche errore al seguito, dovrà reagire, avendo lucidità per far nostro questo derby”.

© 2015, redazione. All rights reserved.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here