Due Esse: comincia a Senigallia la nuova avventura in B1
DueEssePalla a due alle 18 di domenica 27 settembre 2015 a Senigallia (AN) ospite della Goldengas. Di seguito comunicato e dichiarazioni di coach Russo a cura dell’ufficio stampa della società blu-arancio: ““con il tempo saremo pronti, ma ora procediamo un passo per volta”. Il 1° ottobre alle 19.30 la presentazione alla città al PalaWojtyla alle 

Adesso si fa sul serio: chiusa la pre-season si accendo i fari sul campionato 2015/16 che, anche quest’anno, si preannuncia tutt’altro che avaro di sorprese. L’esordio della DueEsse Basket Martina sarà a 500 km da casa in quel di Senigallia, storica società cestistica che ha calcato parquet di categorie superiori. I bluarancio ripartono dalla conferma di coach Aldo Russo che, insieme ai suoi assistenti Oronzo Bagorda e Andrea Pettenuzzo, avrà il compito di amalgamare un gruppo completamente nuovo.

“Il precampionato è stata abbastanza tribolato – ha esordito coach Russo – sia sotto il profilo della costruzione del roster “in corso” di preparazione, che per qualche infortunio di troppo. Abbiamo inserito un tassello alla volta e questo ci ha costretti ad allenarci in 4/5 elementi fino all’arrivo di Cunico, Marra e, in ultimo, Varrone. Tutto ciò ha creato problemi nelle rotazioni, penalizzate anche dall’assenza dei vari under di casa come Ragusa, infortunatosi nella prima amichevole, Camassa, Agelini e Friuli, tutti in fase di recupero”.

L’obiettivo stagionale della DueEsse, tenuto conto anche delle notevoli difficoltà del Girone D, resta quello della salvezza. Ma in primis secondo Aldo Russo: “sarà necessario compattare 10 anime in un’unica identità, eliminando ogni velleità di individualismo, e considerando che per molti è la prima vera esperienza in Serie B. È il lavoro di ogni allenatore che si cimenta con un gruppo creato ex novo. Ciò nonostante non sono spaventato perché ho dei ragazzi molto motivati, capaci di far proprio lo spirito di sacrificio, la condivisione e l’identità di gruppo. Ognuno deve essere protagonista, ma solo e soltanto nel contesto di squadra e gruppo”.

La 1° giornata di campionato sarà di studio. Dell’avversario, delle sue motivazioni, dei suoi obiettivi. Considerando chi, sulla carta, potrebbe già essere definita ammazza campionato. “Io credo sia un girone molto complicato. Studieremo con attenzione e sempre con il massimo rispetto l’avversario, adattando il gioco alle caratteristiche dei giocatori e, ovviamente, al mio modo di intendere la pallacanestro, coniugando tre aspetti: fisico, tecnico e mentale”. L’avvio è di quelli di lusso per la DueEsse, pronta a sfidare una compagine blasonata come la Goldengas Senigallia che può contare sulla guida esperta e ben radicata di coach Valli e su uno zoccolo duro composto dai vari Catalani, Maddaloni, Pierantoni e Pasquinelli, prodotti del settore giovanile rivelatisi scommesse vinte dalla società bianco rossa. Il cui roster è stato ulteriormente rinforzato con gli innesti di Barsanti, tiratore tra i più pericolosi del girone, e Gnaccarini che ritorna a indossare la casacca biancorossa. “Senigallia è una squadra molto esperta, – per coach Russo – con giocatori importanti sia nel reparto esterni che interni. Gnaccarini e Barsanti, nello spot di 1 e 2, e giocatori più interni ma molto dinamici e perimetrali come Marinelli, Pierantoni e Catalani. Dovremo stare attenti al loro tiro da 3 punti, cercando di gestire il ritmo e provando a negargli facili 1 contro 1. Hanno un roster che fa leva su un’identità di squadra già consolidata, per cui sarà una partita molto ostica che impone grande rispetto dell’avversario, senza però perdere fiducia nell’energia che ci contraddistingue”.

Alla vigilia del match con Senigallia, dunque, sono diverse le prime sensazioni sull’avvio di questa nuova stagione e non potrebbe essere altrimenti: “sono carico e d’altronde la mia indole di combattente non consentirebbe il contrario. Ho molta fiducia nel lavoro che sto portando avanti con il mio staff e sono orgoglioso della stima che la società ha riposto nel sottoscritto. Lo stesso posso dire dei tifosi, consapevole che ci staranno vicino in tutto il nostro percorso, anche quando le cose non andranno bene. L’obiettivo è la salvezza perché sappiamo che tutto sarà da guadagnare e capitalizzare, ma abbiamo bisogno di crescere, e per crescere serve tempo, fiducia e pazienza”.

© 2015, redazione. All rights reserved.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here