Nonostante la sconfitta in finale contro la corazzata Bisceglie, favorita al salto di categoria, la Valle D’itria Martina si dimostra in crescita, uscendo in parte rinfrancata dalla doppia sfida con Mola e, appunto, Bisceglie. Coach Russo: “buoni segnali in vista campionato”

La semifinale vede la compagine blu arancio vittoriosa, per 89 a 82, sulla New Basket Mola di Arcangelo Leo, eletto MVP del torneo. Partita equilibrata, con i martinesi in costante vantaggio per gran parte della gara e, in alcuni frangenti, anche oltre la doppia cifra.
Finale molto più complicata (ma era preventivabile alla vigilia), per la differenza di valori e budget, con l’Ambrosia Bisceglie dell’ex Mauro Torresi e di altri giocatori del calibro di Stella e Scarponi. Eppure il risultato di 86 a 60 a sfavore della DueEsse non deve ingannare del tutto, visto che i ragazzi di Aldo Russo sono rimasti in partita per più di metà gara, andando anche in vantaggio nei primi due quarti e chiudendo la metà frazione sotto di soli 7 punti. Dal terzo quarto le basse percentuali al tiro della compagine martinese, fanno da contraltare alla maggior incisività in attacco degli uomini di coach Scoccimarro che in difesa ordina la zona, provocando il break decisivo che porta l’Ambrosia a chiudere in anticipo il match e a vincere il “Torneo Vito Pinto”.

Una nota a margine vede la soddisfazione della Valle D’itria Basket DueEsse per la prova di Mattia Mastroianni, eletto miglior under del torneo.
“Sicuramente ci sono stati dei segnali positivi da parte della squadra, – dichiara coach Russo a fine gara – e che si rileveranno utili al nostro cammino di preparazione, in cui continueremo a mettere a punto le dinamiche riguardanti soprattutto la fase offensiva. A questo si unisce una tenuta fisica più che soddisfacente, visto l’ottimo lavoro svolto fino ad ora dal preparatore atletico Schiavone. Il risultato finale conta relativamente, e ciò che ci deve ritenere soddisfatti è l’atteggiamento propositivo con cui i ragazzi interpretano il lavoro svolto giornalmente in palestra, tenendo presente che abbiamo bisogno di tempo affinché l’ultimo arrivato Marchisio si integri negli schemi, visto che il ragazzo è con noi da una settimana. Voglio sottolineare come non sia necessario esaltarsi dopo una vittoria e, al tempo stesso, abbattersi dopo una sconfitta contro una squadra di primissima fascia come Bisceglie, ma bensì bisognerà prendere consapevolezza con i nostri limiti, sapendo di poter contare su un gruppo che ha un enorme voglia di lavorare e migliorarsi un passo per volta”.

© 2014, redazione. All rights reserved.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here