Nell’ambito dei servizi ordinari e straordinari svolti dalla Polizia di Frontiera e mirati alla repressione dei reati, al contrasto del fenomeno dell’immigrazione clandestina ed la cattura di latitanti, gli agenti della Polizia di Frontiera di Bari hanno conseguito l’ennesimo eccellente risultato con l’arresto di un ricercato.

Di seguito i dettagli così come comunicato dalla polizia di frontiera.

la-polizia-di-frontieraA finire in manette è stato un pericoloso latitante albanese, B. K. di 51 anni, ricercato dal 2007 su tutto il territorio nazionale ed internazionale in quanto colpito da un ordine di custodia cautelare in carcere emesso in relazione ad un traffico internazionale di sostanze stupefacenti tra Albania, Colombia e Italia.
Infatti, l’attività di indagine riguarda una vasta organizzazione transnazionale, composta da cittadini albanesi ed italiani, dedita stabilmente al traffico di ingenti quantitativi di eroina e cocaina reperiti in Albania, Turchia, Macedonia, Siria e Colombia, che, una volta acquistati, venivano trasportati sul territorio nazionale e smistati in diverse regioni italiane, tra cui Campania e Puglia, in particolare nelle province di Bari e Taranto.
L’albanese B. K. ha ricoperto un ruolo principale nell’associazione a delinquere, essendo colui che ne ha diretto e finanziato le attività illecite, organizzando gli acquisti, in particolare, in Albania e Colombia, inviando lì i corrieri per il trasporto e rifornendo gli spacciatori per smercio al dettaglio sul territorio nazionale.
Pertanto, grazie all’abilità ed acume della Polizia di Frontiera di Bari, veniva portato a segno un brillante risultato. Gli agenti, da diversi mesi sulle tracce del latitante albanese, riuscivano a localizzarlo ed arrestarlo mentre tentava di imbarcarsi sul traghetto diretto a Durazzo, conducendolo poi presso il carcere di Bari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

(immagine  puramente indicativa non strettamente connessa con la notizia)

© 2014, redazione. All rights reserved.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here