Dal 2009 in tutta la Puglia e non solo, è stato istituito il “mese della memoria” al fine di mantenere e porre attenzione  su una tragedia dell’umanità e fare in modo che non si ripeta.

Ad Alberobello, venerdì 27 gennaio 2017 alle ore 10,  la parrocchia di Sant’Antonio celebra presso la cosiddetta “Casa Rossa” una Santa Messa alla presenza di alcune scolaresche cittadine.

La “Casa Rossa” è stata sottoposta a vincolo del MIBACT dal 2007.

E’ un luogo-simbolo poiché durante la seconda guerra mondiale ha ospitato un campo di internamento e smistamento.

Dal 28 giugno 1940 fino al 6 settembre 1943 nella Casa Rossa di Alberobello furono internati circa 200 ebrei  per la grande parte professionisti o intellettuali, italiani, ma anche inglesi, tedeschi, polacchi, jugoslavi e apolidi.
Nel ‘46 la Casa Rossa diventò colonia di confino politico per ex fascisti, nel 47 divenne prima centro di accoglienza per donne senza dimora, poi, da settembre, centro di raccolta per profughi.

Con l’auspicio che questa struttura possa presto ospitare un museo attivo che contribuisca alla conoscenza e consapevolezza che senza distinzione di nazionalità  a causa di guerre e calamità si diventa profughi e che si ponga rimedio affinché non si ripetano  più crimini contro l’umanità.

 

© 2017, Mariangela Palmisano. All rights reserved.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here