“L’idea commerciale di trasformare Alberobello in una Disneyland da vivere tra una pizza e una birra per poi andarsene. Turismo frettoloso di bassa qualità. Capisco che può far piacere incassare in poche ore qualche soldo, ma spente le luci e fuggita la mandria, l’impatto ambientale da affrontare è più deleterio e superiore a quello che si è momentaneamente guadagnato”.  questo il messaggio profondo che vorrebbe lanciare  Giuseppe Goffredo nella presentazione:  “Lettera a un figlio su Alberobello. La politica. Il patrimonio culturale. L’Unesco”.

Appuntamento a domani 3 marzo, ore 17,00, presso la sede di Poiesis Editrice, in piazza Pirandello, 3, ad Alberobello.

Interverranno  il prof. Alberto Maiale e il fotografo Cosmo Laera.

© 2017, Mariangela Palmisano. All rights reserved.

Condividi
Previous articleALBEROBELLO, PROSEGUE LA CAMPAGNA ELETTORALE
Next articleONDATA DI CRIMINALITÀ A LOCOROTONDO
Mariangela Palmisano
Guida turistica dal 1992, giornalista da luglio 2016 e madre di 3 figli (ufficialmente disoccupata). Diplomata come Operatore turistico. Ho iniziato a scrivere senza avere censure e evitando papiri enormi grazie a mia cugina poetessa (defunta) Angela Palmisano nel 1997 su un bollettino della associazione da lei fondata, “l’occhiazzurra” di cui ora ne sono presidente. Sia nella professione di guida che in quella di giornalista cerco di mettermi nei panni dell’utente. Attualmente sono anche responsabile nazionale comunicazione e ufficio stampa della Confedercontribuenti Nazionale nonché responsabile nazionale Confedercontribuenti-Turismo.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here