Un gesto di attenzione e di civiltà che in diversi comuni italiani è già in vigore da diverso tempo approda a Locorotondo, su decisione della giunta comunale. La possibilità di poterne usufruire per le future mamme, o per quelle con un bimbo di età inferiore a un anno, sarà sancita da regolare permesso rilasciato dalla polizia municipale, ma ovviamente si confida sulla sensibilità dei cittadini che dovranno rispettarli, visto che la non ottemperanza della disposizione non è sanzionabile.

“Azioni concrete a favore della donna: con questo intento la Giunta comunale di Locorotondo ha istituito n.3 parcheggi rosa riservati alle donne in stato di gravidanza o con un bimbo fino a 1 anno, residenti nel Comune di Locorotondo e in possesso della patente di guida di categoria B o superiore ed in corso di validità e con disponibilità di autoveicolo proprio o concesso in uso – annuncia l’ufficio stampa del comune. – Il provvedimento, n. 30 del 11/03/2014, riguarda alcuni punti strategici delle attività quotidiane: l’Ufficio Postale, il Comune e l’ex ospedale che ospita i poliambulatori”.
Nella delibera si legge “che i “Parcheggi Rosa” costituiscono un grande contributo sociale per le donne in stato di gravidanza dal momento che questi consentirebbero di vivere una maternità con meno stress proprio in quei momenti quando occorre parcheggiare in prossimità di strutture-servizio laddove è difficoltoso reperire un posto; cheil vigente Codice della Strada, tra le categorie di automobilisti per le quali è possibile costituire zone di parcheggio riservate, non prevede di poter riservare posti auto a favore di donne in stato di gravidanza e che di conseguenza l’eventuale occupazione indebita da parte dei trasgressori non è soggetta a sanzione per cui l’istituzione dei “Parcheggi Rosa” sono da ritenersi un atto di civiltà per il rispetto dei quali ci si affida esclusivamente alla sensibilità dei cittadini”.
Per ottenere il rilascio del contrassegno temporaneo rosa (C.T.R.) che consenta loro il diritto di parcheggiare negli appositi “Stalli Rosa” è necessario rivolgersi al Comando Polizia Locale.
“Dobbiamo specificare” ha dichiarato il sindaco Tommaso Scatigna, “che l’occupazione indebita dei “Parcheggi Rosa”, da parte dei trasgressori, non è soggetta a sanzione, per cui dobbiamo ritenere questa disposizione un atto di civiltà per il rispetto dei quali ci si affida esclusivamente alla sensibilità dei cittadini. Agli agenti della Polizia Locale è demandato l’incarico di sensibilizzare i cittadini a rispettare queste nuove regole”.

Questi i requisiti e la modalità per ottenere il contrassegno:

a. essere in stato di gravidanza, accertata da un medico specialista o genitore di sesso femminile di un bimbo minore di anni 1;

b. essere residente o domiciliato nel Comune di Locorotondo;

c. essere in possesso della patente di guida di cat. B o superiore ed in corso di validità;

  1. presentare domanda al Comando di Polizia Municipale, su apposito modulo da ritirare presso lo stesso ufficio o da estrarre dal sito Web del Comune a cui seguirà il rilascio del Contrassegno Temporaneo Rosa (CTR).

Con il contrassegno esposto sul cruscotto dell’autovettura, la sosta è autorizzata per un periodo di massimo 2 ore. Il CTR ha validità a partire dalla data del rilascio. La stessa potrà essere prorogata dall’Ufficio di Polizia Municipale, dopo la nascita del bimbo, fino al raggiungimento del 1° anno.

Per ogni utente sarà rilasciato un solo CTR su cui verranno riportate le targhe di un massimo due autovetture di proprietà del richiedente o di un componente del nucleo familiare.

Considerato che non sarà possibile multare coloro che sosteranno in questi stalli pur non avendo il contrassegno, perchè agevolazioni non riconosciute dal Codice della Strada, sono da ritenersi un atto di civiltà per il rispetto dei quali ci si affida esclusivamente alla sensibilità dei cittadini. Agli agenti della Polizia Locale è demandato l’incarico di sensibilizzare i cittadini a rispettare le regole e su questo si esprime il Comandante della Polizia Municipale dott. Giuseppe Rutigliano:

“Sicuramente ci dobbiamo attivare per sensibilizzare tutti gli automobilisti a rispettare questi posteggi riservati, con avvisi da lasciare sull’autovettura come multa morale. Vedremo. Certamente è un bel gesto di sensibilità verso le nostre mamme”.

© 2014, redazione. All rights reserved.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here